Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

EDIFÍCIO CASA D'ITALIA DO RIO DE JANEIRO - uma biografia

 

EDIFÍCIO CASA D'ITALIA DO RIO DE JANEIRO - uma biografia

 casa ditalia

 

CLICCA QUI per il download gratuito del libro

 

IL LIBRO

 

Frutto di un intenso lavoro di ricerca, l'opera, realizzata dal Consolato Generale d'Italia a Rio de Janeiro, presenta al lettore oltre 90 anni di storia della presenza italiana nella società di Rio de Janeiro a partire dall'edificio costruito sull'Esplanada do Castelo, ora situato all'incrocio di Avenida Beira-Mar con la via Presidente Antônio Carlos, nel centro di Rio de Janeiro.

Il libro fa parte del lascito quadriennale della gestione del Console Generale Paolo Miraglia del Giudice (2018-2022), segnato dal recupero del valore e dell'importanza dell'italianità a Rio.

“Questo edificio iconico merita da tempo un libro per raccontare la sua storia intensa, affascinante, piena di alti e bassi”, ha evidenziato il Console Generale Paolo Miraglia del Giudice nella presentazione del libro da lui stesso firmata. È nell'edificio Casa d'Italia che ha sede il Consolato Generale d'Italia a Rio de Janeiro. Attualmente l'edificio ospita anche l'Istituto Italiano di Cultura e l'Istituto Europeo di Design. Molte altre istituzioni hanno avuto sede nell'edificio storico nel corso dei nove decenni della sua esistenza e la cui storia completa è presentata nel libro.

In quanto genere letterario, le biografie raccontano le storie delle persone. In quest'opera, Casa d'Italia è vista come un'entità vivente e non come una semplice costruzione immobile. Il Brasile era appena uscito dalla Vecchia Repubblica quando l'edificio iniziò a essere desiderato e ambito. La sua prima pietra fu posta nel 1931 e, da allora, si mantiene vivo nel centro di Rio. “La storia della Casa d'Italia riflette anche la storia dell'emigrazione italiana a Rio e dei rapporti italo-brasiliani”, ha sottolineato il Console Generale Paolo Miraglia del Giudice nella presentazione dell'opera.

È stato Paolo Miraglia ad invitare il professor Aristides Corrêa Dutra a curare il libro. Artista plastico e maestro in comunicazione, Dutra ha fatto un tuffo storico, soprattutto sui giornali, per iniziare la sua ricerca sulla Casa d'Italia. “Quello che ho scoperto è stata una storia rocambolica e incredibile”, dice. L'Italia ha vissuto un intenso esodo della sua popolazione all'inizio del XX secolo. Con una cultura associativa, formarono quartier generali nei luoghi in cui emigrarono e li chiamarono casa degli italiani. A dozzine furono costruite in Brasile, che era uno dei principali paesi di destinazione dei migranti italiani. Uno di questi era l'edificio che ora ha la sua storia registrata in un libro.

Il libro è diviso in tre parti. Il primo, firmato dal curatore dell'opera, Aristides Corrêa Dutra, racconta la storia dell'edificio da quando fu voluto fino alla sua restituzione al governo italiano negli anni '70 (Brasile e Italia ruppero i rapporti dopo la seconda guerra mondiale e l'edificio fu confiscato dal governo brasiliano).

La seconda parte, firmata dalla giornalista Eliane Bardanachvili, racconta storie e curiosità della vita all'interno dell'edificio dalla sua ripresa da parte del governo italiano. La terza parte porta la firma del fotografo Marco Antônio Rezende, che propone un viaggio immaginario dell'Italia basato su un saggio fotografico dell'edificio oggi.

Il libro contiene anche testi aggiuntivi firmati dal Console Generale Paolo Miraglia del Giudice (introduzione), Sérgio Magalhães (prefazione), Marcela Marques Abla (Appendice 1) e Maria Pace Chiavari (Appendice 2).

Con 147 pagine, il libro "Edifício Casa d'Italia do Rio de Janeiro - uma biografia" ha un'edizione cartacea in portoghese, con 2 mila copie, e due edizioni digitali - una in portoghese, l'altra in italiano - che possono essere scaricate gratuitamente attraverso il link ad inizio pagina.


470