Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

“IERIMO, SEMO, SAREMO” L’esposizione itinerante verrà inaugurata il 27 novembre nel salone di attesa della sede consolare di Rio de Janeiro, e rimarrà aperta al pubblico durante l’orario di funzionamento dei servizi. Attraverso i pannelli esposti sarà possibile e tutti i visitatori della sede, conoscere questa importante pagina sulla recente storia dell’immigrazione italiana nel dopoguerra.

Data:

12/11/2018


“IERIMO, SEMO, SAREMO”  L’esposizione itinerante verrà inaugurata il 27 novembre nel salone di attesa della sede consolare di Rio de Janeiro, e rimarrà aperta al pubblico durante l’orario di funzionamento dei servizi. Attraverso i pannelli esposti sarà possibile e tutti i visitatori della sede, conoscere questa importante pagina sulla recente storia dell’immigrazione italiana nel dopoguerra.

    logocgrio 0                                                                                        logo giuliani

 

A seguito di una iniziativa congiunta del Consolato Generale d’Italia a Rio de Janeiro e l’Associazione Giuliani nel Mondo, il prossimo 27 novembre verrà inaugurata l’esposizione documentaria sull’emigrazione giuliana nel mondo “Ierimo, Semo, Saremo”. L’esposizione itinerante, promossa dal 2004 con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, è già passata in Australia, Sud Africa e Nord America, oltre che in Italia e in Europa; è composta da vari pannelli e rimarrà aperta al pubblico durante l’orario di servizio della sede permettendo, in questo modo, la visita da parte delle centinaia di utenti che si dirigono alla sede settimanalmente. L’iniziativa ha come finalità quella di indurre a una riflessione sul passato, presente e futuro dei Giuliani nel Mondo: gli emigrati di lingua, cultura e nazionalità italiana originari delle province di Trieste e di Gorizia situate all'estremità Nord-Est dell'Italia, gli esuli provenienti dall'Istria, da Fiume, dalle Isole del Quarnero e dalla Dalmazia abbandonate in massa a seguito dell'occupazione jugoslava alla fine della seconda guerra mondiale nonché i loro discendenti nati all’estero e in altre regioni italiane in cui sono stati accolti ed in cui attualmente risiedono. L’esposizione, che si compone di documenti e immagini che ripropongono le travagliate vicende e l’attuale realtà dell’emigrazione giuliano-dalmata, è stata realizzata in collaborazione con istituzioni, musei, biblioteche, archivi pubblici e privati, circoli giuliani e singoli emigrati che hanno reso disponibile il materiale in loro possesso. La rassegna negli anni ha ottenuto un importante successo di pubblico, tanto in Italia quanto all’estero, in quelle città dove sono presenti significative comunità di giuliani, istriani, fiumani e dalmati. All’inaugurazione, che avrà luogo presso il Consolato Generale martedì 27 novembre alle ore 18, oltre che al Presidente di AGM Dario Locchi ed il Console Generale Paolo Miraglia del Giudice,  saranno presenti anche il Presidente dell’UNAIE (Unione nazionale associazioni immigrati ed emigrati) e dei Lucchesi nel Mondo, Ilaria Del Bianco, e il Presidente dei Bellunesi nel Mondo, Oscar De Bona.

 


235