Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Seminario:“Riforma del Processo Penale Brasiliano e il Protagonismo del Pubblico Ministero: Questioni Controverse”

Data:

10/06/2022


Seminario:“Riforma del Processo Penale Brasiliano e il Protagonismo del Pubblico Ministero: Questioni Controverse”

Il Consolato Generale d'Italia a RJ promuove, in collaborazione con il Pubblico Ministero dello Stato, un seminario sulla riforma della procedura penale in Brasile

L'evento, realizzato presso l'Istituto di Educazione Roberto Bernardes Barroso, conterà con la partecipazione di due procuratori del Ministro Pubblico italiano.
Il Consolato Generale d'Italia a Rio de Janeiro promuove, questo venerdì (10), un'importante e significativa iniziativa di diplomazia giuridica. Si tratta di un seminario sul ruolo della Procura in ambito penale al quale parteciperanno due rinomati procuratori italiani con una vasta esperienza nella lotta alla criminalità organizzata in Italia.

Il seminario, intitolato “Riforma del Processo Penale Brasiliano e il Protagonismo del Pubblico Ministero: Questioni Controverse”, è il risultato di una partnership tra il Consolato Generale d'Italia a Rio e l'Ufficio Internazionale del Pubblico Ministero dello Stato, instaurata attraverso un protocollo firmato l’8 marzo 2021 con l'obiettivo di rafforzare la collaborazione e lo scambio di buone pratiche in ambito giuridico tra l'Italia e lo Stato di Rio de Janeiro.

Previsto esclusivamente per il formato presenziale, l'evento si svolgerà nell'auditorium dell'edificio della sede dell'MPRJ, nel centro di Rio, dalle ore 9:00 alle 17:00. Due panel compongono il programma del seminario, che consentirà al pubblico di conoscere nel dettaglio l'operato del Pubblico Ministero italiano in ambito penale.

All'evento parteciperanno i PM italiani Vincenzo Piscitelli, Procuratore Aggiunto presso il Tribunale di Napoli, e Francesco Menditto, Procuratore Capo presso il Tribunale di Tivoli.

Piscitelli parteciperà al primo panel, in mattinata, il cui tema è “la premiata collaborazione nel diritto brasiliano”. Menditto, invece, sarà nel secondo panel, nel pomeriggio, che verte sulle “misure cautelari della proprietà nel diritto brasiliano (sequestro di persona e conflitto di beni) nella lotta alla criminalità”.

L'evento sarà realizzato dal procuratore generale del Pubblico Ministero di Rio de Janeiro, Luciano Mattos, e dal viceprocuratore generale Marfan Vieira, oltre al Consolato Generale di Rio de Janeiro.

Il seminario avrà un servizio di traduzione simultanea italiano-portoghese/portoghese-italiano. Alla fine di ogni panel ci sarà un round di dibattito, che sarà mediato dal procuratore del MPRJ Alexander Araújo.


“La perfetta adeguatezza della normativa italiana di fronte al fenomeno della criminalità organizzata, nonché l'efficacia degli strumenti messi a tal fine a disposizione del Pubblico Ministero italiano, hanno sempre servito da modello ai più diversi ordinamenti giuridici della famiglia romano-germanica”, ha affermato Araújo sottolineando l'importanza dello scambio giuridico reso possibile dal seminario.
Per l'MPRJ, il seminario “corona la linea guida istituzionale collaborativa e concretizza l'ennesima fruttuosa e proficua interazione tra la comunità brasiliana e quella italiana”.

Sono stati messi a disposizione 100 posti per il seminario, riservati a membri e dipendenti del Pubblico Ministero di Rio de Janeiro che lavorano nell'area criminale e a studenti dei corsi post-laurea dell'Instituto de Educação Robertos Bernardes Barroso (IERBB/MPRJ).

SERVIZIO:
COSA: Seminario “La Riforma Processuale Penale Brasiliana e il Protagonismo del Pubblico Ministero: Questioni Controverse”
QUANDO: venerdì 10 giugno dalle ore 9:00 alle 17:00
DOVE: auditorium dell'edificio della sede dell'MPRJ, nel centro di Rio de Janeiro
IN DISTACCO: partecipazione dei procuratori italiani Vincenzo Piscitelli e Francesco Menditto
CHI PUÒ PARTECIPARE: membri e dipendenti dell'MPRJ che lavorano nell'area criminale e studenti dei corsi post-laurea dell'Istituto di Educazione Robertos Bernardes Barroso


468