Este site usa cookie para proporcionar uma interface melhor. Continuando a navegação estará aceitando a utilização de cookie por noss parte OK

RICHIESTA DUPLICATO REFERENDUM COSTITUZIONALE 2020

Data:

05/09/2020


RICHIESTA DUPLICATO REFERENDUM COSTITUZIONALE 2020

Il Consolato Generale d’Italia a Rio De Janeiro ricorda a tutti gli elettori residenti nella Circoscrizione consolare (Rio De Janeiro, Espirito Santo), che non abbiano ricevuto il plico elettorale, che potranno fare richiesta di un duplicato a partire dal 6 settembre.

Gli aventi diritto al voto potranno inviare un messaggio di posta elettronica ESCLUSIVAMENTE all’indirizzo: riodejaneiro.elettorale@esteri.it con il seguente oggetto: “RICHIESTA DUPLICATO REFERENDUM COSTITUZIONALE 2020”.

La richiesta (scaricabile qui) firmata dovrá essere accompagnata da una fotocopia di un documento di identità con foto in corso di validità ed una fotocopia di un comprovante dell’indirizzo di residenza a nome del/la richiedente.

Alle richieste pervenute ad altro indirizzo del Consolato, o senza gli allegati, non verrá dato seguito.

Si ammoniscono i richiedenti sulle responsabilità penali conseguenti al doppio voto (art. 18, comma 2, Legge 459/2001). Chiunque, in occasione delle elezioni delle Camere e dei Referendum, vota sia per corrispondenza sia nel seggio di ultima iscrizione in Italia, ovvero vota più volte per corrispondenza, è punito con la reclusione da uno a tre anni e con la multa da 52 euro a 258 euro.

Rammentasi che le informazioni utili per la consultazione referendaria sono state inserite sui siti web dell’Ambasciata e della Rete consolare, e diffuse tramite tutti i canali disponibili, il 20 luglio scorso, subito dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il 17 luglio precedente.

Si ricorda che il voto, da esprimere secondo le dettagliate istruzioni contenute nel plico che sta giungendo agli aventi diritto in Brasile, dovrà pervenire all’Ambasciata o alla Sede consolare territorialmente competente entro e non oltre le ore 16.00 del 15 settembre 2020.

Una volta ricevuto il plico si invitano gli elettori ad esprimere il loro voto e ad inviare per posta con la massima (massima) sollecitudine possibile la busta preaffrancata, al fine di evitare che essa giunga oltre la scadenza prefissata dalla legge.


310